giuradei
lo trovi qui:
iTUNES ACQUISTA
data uscita:

February 11, 2013

share:

PICICCA DISCHI
Copyright Picicca Dischi 2013,
Edizioni Picicca 2013,
Distribuzione Audioglobe.

Giuradei (2013)

1. mi dispiace amore mio
2. la sconosciuta
3. sta per arrivare il tempo
4. continuano a volare
5. dimenticarmi di te
6. generale
7. papalagi
8. la tristezza
9. senza di noi
10. amami


testi e musica di ettore giuradei,
(tranne il testo e la musica di “senza di noi” di v. leuzzi e la musica di “continuano a volare” e “dimenticarmi di te” di ettore e marco giuradei).

produzione artistica e arrangiamenti marco giuradei;
registrato e mixato da domenico vigliotti alla taverna studio di provaglio d'iseo.

ettore giuradei: voce e chitarra acustica;
marco giuradei: pianoforte, chitarra acustica, classicaed elettrica, sinth, fisarmonica, hammond, percussioni, cori;
alessandro pedretti: batteria;
nicola panteghini: chitarra elettrica;
giulio corini: basso;
giulia mabellini: archi in sta per arrivare il tempo;
giancarlo onorato: voce in continuano a volare;
jairo zavala: chitarra acustica e stil guitar in senza di noi;
accursio montalbano: chitarra elettrica in papalagi;
emma giuradei: cori in la tristezza.

masterizzato da giovanni versari, la maestà studio;
illustrazione di copertina e progetto grafico di tycho creative studio;
illustrazione poster interno di nicola ballarini.

copyright picicca dischi 2013,
edizioni musicali picicca 2013,
distribuzione audioglobe.

TESTI
mi dispiace amore mio
Mi dispiace amore mio
ma io devo andare via
ho trovato la mia amica mi consola
so che ho perso molto tempo
anche se non sto godendo
c'è la vita che mi guarda e si consola
e non so che cosa dire
se sia piangere o morire
ma la vedo che mi guarda e resta sola
vola come polvere nel vento
perchè sa che sto morendo
vola come polvere nel vento
perchè sa che sto morendo
la sconosciuta

grande sonno svegliato a metà notte
dal ricordo della donna sconosciuta
bionda da quel che mi ricordo
ma vicino sicuramente piccola
non ricordo una parola
non so dove trovarla
non so l'ora ma so il nome
il desiderio, l'incubo
conosco il gesto ma non so dove lavora

ma l'immagine fantastica
ha già visto la sua vita
nuda sotto la maglia larga
con la lama della lingua
ha la magica serena
consapevole risata della giungla
del momento che non ha mai passato
e che credo morirà
tra qualche giorno

penso al gusto che può avere la sua bocca
con il bacio della doccia
al sapore del pensiero
che non lascia che l'estremo
desiderio di incontrarla
non ho visto le sue scarpe
e sarà che è qualche giorno
che non posso ricordarla
e nemmeno la speranza
di sentirla camminare
è una fata e può leggere
il segreto che la pensa

ma non può veder la testa
non cerca la risposta
morirò non come lei
morirò con il segreto

ma l'immagine fantastica
ha già visto la sua vita
nuda sotto la maglia larga
con la lama della lingua
ha la magica serena
consapevole risata della giungla
del momento che non ha mai passato
e che credo morirà
tra qualche giorno

sta per arrivare il tempo

Quanto a te
che fai beneficenza e non capisci niente
che mi incontri e non m'ascolti
cosa credi che mi importi
dei giudizi della gente
ignorante come te
capra come dice sgarbi
furbo come dico io
prova a ricordare
come nascono i giganti

iniziano a tremare le tue gambe grasse
le tue frasi fatte, le tue vacanze al mare
sta per arrivare il tempo

iniziano a tremare le tue gambe grasse
le tue frasi fatte, le tue vacanze al mare
sta per arrivare il tempo

le suore, l'oratorio
il volontario, la famiglia, il presidente
l'ipocrita, il leghista, il comunista
tutto quello che non serve
che non muore come te
lupa come dice Dante
servo come dico io
prova a ricordare, prova a ricordare,

iniziano a tremare le tue gambe grasse
le tue frasi fatte, le tue vacanze al mare
sta per arrivare il tempo

iniziano a tremare le tue gambe grasse
le tue frasi fatte, le tue vacanze al mare
sta per arrivare il tempo

continuano a volare

Grande fallo, sul trono
nella tomba
del giardino
uomo nero
secolo in silenzio
il ricordo di un bambino
vive

ragione matta, il feticcio
e la tazza
il fantoccio
meccanismo, marionetta
e suo padre non aveva capito
ma credeva

e continuano a volare
non si fermano, non si fermano

La cattedrale e il cielo azzurro
e Dio seduto sul trono
d'oro domina il mondo
ma sotto il trono...

oggi come allora
sono un solitario
perchè voglio capire
cosa non sanno

e continuano a volare
non si fermano, non si fermano
e continuano a volare
non si fermano, non si fermano

dimenticarmi di te

Com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo
com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo

le nostre beghe da ubriaconi
le minacce, le illusioni
la tovaglia, la tua calza
il lavandino da pulire
fai la pasta
questa triste conclusione
le tue belle fissazioni
le mie paranoie
i miei baci sull'anello
le carezze al pisello
la mia tavola imbandita
i parenti, i commenti
tu mi dici andiamo via
siamo troppo belli no no no dirmelo

Com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo
com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo

ma che strana evoluzione
dalla scimmia al coglione
l'autostrada! La speranza?
non ho voglia di morire
ho una casa per buttarmi dal balcone
non no non dirmelo

le domeniche al macello
la prigione nel cervello
la politica è finita
troppi vecchi presidenti
che distanza tra le regole e la vita
no no non dirmelo

Com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo
com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo
Com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo
com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo

e che il tempo
non diventi irraggiungibile
inseguendo l'esperienza
sarà sempre carnevale
con un velo di tristezza
no no non dirmelo

ma che strano quel bambino
il tuo amico, il mio destino
che ha il coraggio che non ho
senza fare complimenti
con il buio
sembra navighi nel vino
no no non dirmelo

Com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo
Com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo
com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo
com'è dimenticarmi di te
no no non dirmelo

[/toogle]
generale

Chi c'è già stato
ha da dire ascoltateli
non sono tanti
ma con parole un po' pesanti
non si fermano
ma vi rinfrescano
a volte vegliano
vent'anni fa parlavano più spesso
non domandatevi
perchè incompresi
potreste uccidervi
ma per adesso
non siamo servi
del vostro schermo
che ha preso il vostro posto
e c'è chi è morto
illuminatevi e non pregate
pensate a loro e al vostro spirito
han sempre spinto
per il potere dell'istinto
e della rabbia d'ogni uomo
della sua forza e del suo pianto
e degl'altri per piacere non parliamo

perchè hanno più
di novant'anni
e poi se muoiono
c'è solo pronto
il nostro mondo
a dare un bacio
che non si meritano
perchè hanno il male
dell'incoscienza e se ne fregano
san sempre dire
che cosa fare
ma allo specchio non si guardano
il loro compito è regalare
ma alla fine non ci stanno
e non si muovono

papalagi

Continuate a costruire
centrali naturali
o distese di pannelli
senza sole
solo per le vostre gole
così larghe
forse è meglio rinunciare
alle gocce
quotidiane della doccia
non importa che pulire
pensa a quello che respiri
al tuo odore
ci tenete coi guinzagli
che la terra se si incazza
poi s'ammazza
finalmente capirete
che è la madre maltrattata
di malati immaginari
papalagi
che hanno il cuore di denaro
non conoscono il vicino
e lavorano per niente
per avere una rotonda
o la video sorveglianza

per avere questa scuola di coglioni
perchè tanti come voi
fanno anche i professori
e non scopano abbastanza
e le uniche battute son sul cazzo
se ce l'hai più lungo o corto
e se non vai a puttane
compri il cane

forse è meglio rinunciare
a quel gioco
commerciale
costa poco
non importa se non serve
ma lo sai si deve fare
per piacere
più va avanti
e più si vede
da la in alto
stan giocando
con il mondo
ma il perdente non ci crede
preferisce le supposte
verità della sua stanza

per avere questa scuola di coglioni
perchè tanti come voi
fanno anche i professori
e non scopano abbastanza
e le uniche battute son sul cazzo
se ce l'hai più lungo o corto
e se non vai a puttane
compri il cane

la tristezza

Lacrima dolce
unico cuore che stringe
piede d'oriente
maga di anime
cuore che piange
stella d'argento
magica scelta
di un dubbio eterno
l'eterno non conta
conta se sono sicuro
lavato
col bagno della tua essenza
chiedo pazienza
mostra gli armadi
rendimi nudo
ti prego ancora
fammi volare
tra le tue mani
ancora baciami
leccami, uccidimi
l'ansia, gli uomini

è la tristezza che ci nasconde
perle coperte di polvere
è la tristezza che ci nasconde
perle coperte di polvere

bella se leggi
bella se godi sui nostri divani
bella domani
sono una donna
sono una storia
che ha perso le ali
povera mano
di mille carezze
sono le stesse
povera e bella
c'è quella luce
che non ti ho mai dato

è la tristezza che ci nasconde
perle coperte di polvere
è la tristezza che ci nasconde
perle coperte di polvere

amami

Amami
non è che perdersi
prendimi senza pensare
non è la scuola
che ci può salvare
noi siamo barbari
siamo animali
siamo la gente
con la bocca aperta
siam la minestra
l'amputazione
siam la memoria
della gente onesta
gli ultimi lampi

mai mai mai
mai come voi
mai mai mai
mai come voi

amami
la fede esagera
la scienza limita
la razza estinta
non ha più anima
mette la virgola
non ha speranza
non ha più voglia
muore di sete
vive di plastica
vuol la pastiglia
ma non la canna
non si riposa
se no s'annoia
però s'incazza
ma ci guadagna

mai mai mai
mai come voi
mai mai mai
mai come voi